LA MOSTARDA VICENTINA

Fare la mostarda vicentina non è un lavoro difficile, ma serve un po’ di attenzione e molta pazienza.

Indispensabile la cotogna, che non è né mela, né pera. La  cotogna è una specie a sé stante. Alcuni frutti hanno una forma tondeggiante, altri sono assottigliati verso l’alto. Mela e pera quindi ma solo per l’aspetto.

La mostarda alla vicentina è perfetta con i bolliti, i formaggi o anche semplicemente spalmata sul pane.

Ingredienti

  • 2 chili di cotogne mature
  • Zucchero quanto basta
  • Un limone
  • Un pizzico di sale
  • 1 spicchio d’aglio (facoltativo)
  • 300 ml di vino bianco dolce
  • Essenza di senape
  • 100 grammi di frutta candita mista oppure di mostarda di Cremona

 

PROCEDIMENTO:

Lavo le cotogne con l’acqua tiepida per togliere la lanugine che le ricopre. Non serve sbucciarle, operazione oltretutto difficilissimo. Le taglio in quarti e tolgo i torsoli. Li metto man mano nell’acqua acidulata con il limone perché non anneriscano.

Faccio bollire 300 ml d’acqua, due cucchiai di zucchero e il vino dolce. Immergo le mele nel liquido e faccio cuocere finché sono sfatte, le scolo e le passo al setaccio. 

Peso la polpa, unisco lo stesso peso di zucchero, un pizzico di sale e faccio cuocere per circa 40 minuti. 

Appena fredda unisco 10 gocce di essenza di senape e i frutti canditi tagliati a pezzi. 

Invaso e conservo al buio e al fresco.

L’essenza di senape è molto forte e si acquista in farmacia.

Se volete una mostarda meno dolce diminuite la quantità di zucchero di un terzo.

Per una conservabilità più lunga sterilizzate i vasetti per circa 20 minuti.

Buon lavoro e arrivederci alla prossima ricetta.


Seguite il Gusto di un Tempo anche su: