ZUPPA DI PESCE

Ogni città di mare ha la sua zuppa di pesce. Caciucco alla livornese, brodetto marchigiano o alla veneziana, coccio alla ligure sono solo alcuni dei nomi dati a questo piatto.

Come è nato questo piatto?

Dopo aver venduto il pescato di qualità, con il pesce più povero, quello con poca polpa e molte spine, i pescatori di ogni porto si sono inventati la zuppa di pesceCon molto pane e poca spesa potevano sfamare tutta la famiglia.

INGREDIENTI:

PER IL FUMETTO DI PESCE

  • 2 cucchiai di olio evo
  • 1 spicchio d’aglio 

  • 1 carota

  • 1 cipolla

  • 1 gambo di sedano

  • mezzo peperoncino fresco 

  • qualche pomodorino maturo

  • pesce e gamberi
  • un bicchiere di vino bianco secco

PER LA ZUPPA

  • 50 grammi di cipolla bianca 

  • 1 spicchio d’aglio

  • 200 grammi di pomodori pelati

  • 1 peperoncino
  • 300 grammi di seppie o calamari tagliati a striscioline

  • vongole e le cozze

  • 2 cucchiai di olio evo
  • vino bianco

  • 500 grammi di pesce sfilettato

  • gamberoni

  • prezzemolo

 

PROCEDIMENTO:

Per il fumetto di pesce:

Verso due cucchiai di olio evo in un tegame dai bordi alti, metto uno spicchio d’aglio, una piccola carota, una piccola cipolla, un gambo di sedano, mezzo peperoncino fresco e qualche pomodorino maturo e faccio insaporire.

Sfiletto i pesci e sguscio i gamberi. Unisco gli scarti al sugo e faccio tostare.

Sfumo con un bicchiere di vino bianco secco.

Copro con acqua fredda e faccio bollire a fiamma bassa senza coprire per circa due ore.

Passo al colino schiacciando bene con un cucchiaio.

Per la zuppa:

Trito molto finemente 50 grammi di cipolla bianca e uno spicchio d’aglio.

Li rosolo dolcemente in due cucchiai di olio evo e unisco 200 grammi di pomodori pelati spezzettati con le mani.

Metto il peperoncino e 300 grammi di seppie o calamari tagliati a striscioline e faccio cuocere per dieci minuti.

Faccio aprire in due padelle diverse le vongole e le cozze, sfumo con vino bianco. Sguscio tenendone alcune con le valve.

Aggiungo 500 grammi di pesce sfilettato, i molluschi e i gamberoni privati del budellino.

Dopo pochi minuti allungo con qualche mestolo di fumetto di pesce.

Regolo di sale.

Apro nel dorso gli scampi, tolgo il budellino, li faccio tostare, sfumo con poco vino bianco.

Spolverizzo di prezzemolo tritato e servo nelle ciotole completo con uno scampo e accompagno con fette di pane  abbrustolito.


Seguite il Gusto di un Tempo anche su: