CRESPELLE AGLI ASPARAGI

Ricetta delle CRESPELLE AGLI ASPARAGI.

Non fanno parte della nostra tradizione, ma adesso sono molto diffuse anche nel nostro territorio.

 

ingredienti_crespelle

ingredienti_crespelle_ripieno

ingredienti_crespelle_salsa

 

PROCEDIMENTO:

Per le crespelle:

Con la frusta sbatto le uova con il sale e un cucchiaio di latte unisco la farina un po’ alla volta ottenendo una crema liscia. Aggiungo il latte a filo e l’olio o il burro fuso.

Filtro attraverso un colino e faccio riposare per almeno un’ora. Il composto è pronto se vela appena il cucchiaio.

Scaldo la piastra e spennello con burro fuso o con l’olio. Verso un mestolo di composto al centro e ruotando lo distribuisco su tutta la superficie. La quantità dipende dalla grandezza della piastra. Sollevo un lembo con la paletta e controllo la cottura. Giro la crespella e faccio cuocere dall’altra parte.

Per il ripieno:

Tolgo la parte più esterna degli asparagi e li lascio riposare nell’acqua, li sbollento in acqua salata e li raffreddo subito in acqua e ghiaccio. Tengo da parte l’acqua di cottura. Li asciugo con carta da cucina.

Taglio le punte e le rosolo in 20 grammi di burro salando leggermente e aromatizzando con il timo.

Taglio il resto a pezzetti, li faccio stufare nell’olio con la cipolla e li frullo.

In una ciotola unisco la crema di asparagi, la ricotta, 70 grammi di grana, le punte e la noce moscata, regolo di sale e pepe.

Riempio le crespelle con un cucchiaio di ripieno e le chiudo a piacere. A fagottino, in quattro o semplicemente arrotolate.

Spennello con il restante burro fuso e spolverizzo di grana.

Cuocio in forno per circa venti minuti fino a doratura.

Per la salsa di accompagnamento:

Preparo il roux con il burro e la farina, aggiungo il latte e l’acqua ottenendo una besciamella morbida.

Faccio cuocere per circa dieci minuti.

Aggiungo il taleggio a pezzettini e tengo al caldo a bagnomaria.

Servo le crespelle accompagnate dalla salsa.

Un giro di pepe bianco e un rametto di timo completano il piatto.

Buon lavoro e arrivederci alla prossima ricetta


Seguite il Gusto di un Tempo anche su: