TAGLIOLINI PISELLI E OCA “SOTO ONTO”

Ricetta della tradizione veneta e racconto dell’oca “soto onto”.

PROCEDIMENTO:

Per 6 persone mescolo 2 etti di farina GRAN PASTA del Molino Quaglia (farina di grano tenero tipo “00”) e 2 etti di SEMOLA DI GRANO DURO del Molino Quaglia.

Faccio la fontana, unisco 4 uova intere e impasto formando un panetto.

Dopo 15 minuti di riposo lo stendo con il mattarello e formo i tagliolini.

Oggi userò la chitarra, uno strumento che non fa parte della nostra tradizione veneta ma mi permette di farli tutti dello stesso spessore.

In due cucchiai di olio extra vergine d’oliva faccio appassire una cipolla fresca tritata finemente, unisco 200 grammi di piselli e faccio insaporire. Verso dell’ acqua calda e porto a cottura senza coprire. Questo è un piccolo segreto per mantenere il loro bel verde chiaro.

Non salo perché l’oca che unirò è già molto saporita.

Taglio a cubetti 100 grammi di oca conservata “soto onto” e li passo molto velocemente in padella.

Frullo un terzo dei piselli e li tengo da parte al caldo.

Lesso i tagliolini al dente e li condisco con i piselli, l’oca e una noce di burro.

Adagio sul piatto dove ho già versato un cucchiaio di crema di piselli e termino con il prezzemolo tritato.

Se invece volete usare il riso potete cuocerlo semplicemente bollito o cotto alla pilota.

Non avete l’oca? Niente paura, sostituite con pancetta dolce o prosciutto cotto.

 


Seguite il Gusto di un Tempo anche su: